|
Tu sei qui:

Polizia Penitenziaria - 4 posti di vice revisore tecnico 2014

Pubblicato sul sito del Ministero di Giustizia il Decreto 25 novembre 2014 inerente al calendario e alla data di pubblicazione della banca dati su cui si baseranno i quesiti delle prove preselettive..

Pubblicato sul sito del Ministero di Giustizia il Decreto 4 novembre 2014 in cui si comunica che le date e la sede di svolgimento delle prove preselettive saranno stabilite con successivo provvedimento che sarà pubblicato nella GURI - 4ª Serie Speciale - Concorsi ed esami del 19 dicembre 2014.

Pubblicato sul sito del Ministero di Giustizia il Decreto 9 ottobre 2014 in cui si comunica che le date e la sede di svolgimento delle prove preselettive saranno stabilite con successivo provvedimento che sarà pubblicato nella GURI - 4ª Serie Speciale - Concorsi ed esami del 14 novembre 2014.

Pubblicato sul sito del Ministero di Giustizia il Decreto 3 settembre 2014 in cui si comunica che le date e la sede di svolgimento delle prove preselettive saranno stabilite con successivo provvedimento che sarà pubblicato nella GURI - 4ª Serie Speciale - Concorsi ed esami del 17 ottobre 2014.

Pubblicato sul sito del Ministero di Giustizia il Decreto 11 luglio 2014 in cui si comunica che le date e la sede di svolgimento delle prove preselettive saranno stabilite con successivo provvedimento che sarà pubblicato nella GURI - 4ª Serie Speciale - Concorsi ed esami del 16 settembre 2014.

Le date e la sede di svolgimento della prova preselettiva saranno stabilite con successivo provvedimento che sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - 4ª Serie Speciale - «Concorsi ed esami» del 25 luglio 2014.

Indetto dal Ministero dela Giustizia un concorso pubblico, per esami, per il reclutamento di n. 4 posti di vice revisore tecnico del ruolo dei revisori tecnici del Corpo di polizia penitenziaria da destinare al laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA, con sede in Roma.

Si riporta di seguito l'articolo 9 del bando inerente alla prova d'esame:

Art. 9 Prova d’esame

  1. I candidati, ai quali non sia stata comunicata l’esclusione dal concorso ai sensi dell’articolo 3, sono tenuti a presentarsi, muniti di un valido documento di identificazione e fotocopia dello stesso, nonché della documentazione richiesta all’articolo 5, comma 2, del presente bando (attestazione di avvenuta acquisizione informatica della domanda), per sostenere la prova d’esame, il cui superamento costituisce requisito necessario per la successiva partecipazione al; concorso, nei giorni e nell’ora indicati nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4^ serie speciale “Concorsi ed Esami” del 9 maggio 2014, ovvero in quella la quale la stessa avesse fatto rinvio. Detto avviso sarà disponibile anche sul sito del Ministero della Giustizia a partire dall’indirizzo http://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_6.wp.
  2. La comunicazione di cui al comma 1 ha valore di notifica a tutti gli effetti nei confronti dei candidati. I candidati che non si presentino nel giorno e nell’ora previsti a sostenere la prova sono considerati esclusi dal concorso.
  3. La prova d’esame consiste in risposte ad un questionario, articolato in domande a risposta sintetica ovvero a scelta multipla, fornito dall’Amministrazione anche mediante supporti informatici ed audiovisivi. Il questionario, tende ad accertare il grado di preparazione culturale dei candidati e verte per il trenta per cento su argomenti di cultura generale, per il cinquanta per cento su: nozioni di biologia forense, nozioni di ordinamento penitenziario, nozioni di diritto pubblico, nozioni di diritto e procedura penale; per il dieci per cento sulla lingua straniera scelta dal candidato tra: inglese, francese, tedesco e spagnolo; per il restante dieci per cento sull’uso delle applicazioni informatiche più diffuse, in linea con gli standard europei.
  4. Le materie di cultura generale che possono formare oggetto del questionario sono: lingua italiana; storia d’Italia a partire dal 1861; geografia fisica, politica ed economica dell’Italia; educazione civica.
  5. Nel caso che il questionario sia articolato in domande a scelta sintetica, per le materie della lingua straniera e dell’informatica, la commissione esaminatrice è integrata da un esperto nelle varie lingue straniere e da un funzionario informatico dell’Amministrazione penitenziaria.
  6. La Commissione stabilisce preventivamente i criteri di valutazione degli elaborati e di attribuzione del relativo punteggio.
  7. La durata della prova è stabilita dalla Commissione in relazione al numero di domande da somministrare.
  8. Il questionario da sottoporre ai candidati, fra quelli preventivamente predisposti, viene scelto di volta in volta per estrazione.
  9. La predisposizione del questionario può essere affidata a qualificati istituti pubblici o privati e la relativa prova può essere gestita con l’ausilio di società specializzate.
  10. La prova si intende superata dai candidati che abbiano riportato una votazione non inferiore a sette decimi.
  11. La correzione e la valutazione dei questionari possono essere effettuate a mezzo di strumentazione automatizzata ed utilizzando procedimenti o apparecchiature a lettura ottica.
  12. Sono ammessi a sostenere gli accertamenti di cui al successivo articolo 11, i candidati risultati idonei alla prova di esame e classificatisi tra i primi 30 in ordine di merito. Sono, inoltre, ammessi i candidati che abbiano riportato lo stesso punteggio del concorrente collocatosi al posto n. 30. Qualora il numero degli idonei al termine degli accertamenti di cui ai successivi articoli 12 e 13 risulti inferiore al numero dei posti a concorso, ovvero per ulteriori ed eventuali esigenze sopravvenute, l’Amministrazione, si riserva la facoltà di convocare un’ulteriore aliquota di candidati risultati idonei alla prova di esame.
 

Torna su