|
Tu sei qui:

Esercito Italiano: reclutamento a nomina diretta di 38 marescialli anno 2017

Sulla GURI 4^ serie speciale n. 14 del 21 febbraio 2017 il Ministero della Difesa ha pubblicato un bando di concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento, a nomina diretta, di 38 Marescialli dell’Esercito Italiano.

PROVA SCRITTA PER LA VERIFICA DELLE QUALITÀ CULTURALI ED INTELLETTIVE (Art. 9 del bando).

La prova consisterà nella somministrazione di un questionario composto da 100 quesiti a risposta multipla volti ad accertare la conoscenza delle seguenti materie:

  • lingua italiana (50% dei quesiti) anche sul piano ortogrammaticale e sintattico,
  • attualità,
  • educazione civica,
  • storia,
  • geografia
  • logica matematica (aritmetica, algebra e geometria).

La prova avrà luogo presso il Centro di Selezione e Reclutamento Nazionale dell’Esercito (CSRNE) di Foligno (PG).
L’ordine di convocazione, la data e l’ora di svolgimento della prova saranno resi noti indicativamente nella seconda decade del mese di marzo 2017, mediante avviso consultabile nell’area pubblica del portale, nonché nei siti www.difesa.it, www.esercito.difesa.it. Lo stesso avviso potrà riguardare il rinvio ad altra data della pubblicazione suddetta. La pubblicazione avrà valore di notifica a tutti gli effetti nei confronti di tutti i candidati. Eventuali modificazioni della sede e della data di svolgimento della prova saranno rese note mediante avviso consultabile nell’area pubblica del portale, nonché nei siti www.difesa.it e www.esercito.difesa.it. La Direzione Generale per il Personale Militare si riserva la facoltà di pubblicare con le stesse modalità e indicativamente nella prima decade di marzo 2017, un archivio dal quale saranno estratti, con criteri di casualità, i quesiti che costituiranno oggetto della prova. La mancata presentazione presso la sede di esame nella data e nell’ora stabilita o la presentazione in ritardo, ancorché dovuta a cause di forza maggiore, comporterà l’irrevocabile esclusione dal concorso, salvo quanto previsto all’art. 1, comma 6 ovvero all’art. 7, comma 5 del bando.
La prova scritta, a cui sarà attribuito un punteggio massimo di 30/30, si intenderà superata, salvi i contingentamenti di seguito illustrati per l’ammissione alla fase successiva, se il candidato avrà raggiunto la valutazione minima di 18/30.

 

Torna su