|
Tu sei qui:

Marina Militare: concorso per l'ammissione di 159 allievi marescialli al 24° corso 2021 2023

Pubblicato sulla GURI n. 18 del 05-03-2021 dal Ministero della Difesa il bando inerente al concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’ammissione al 24° corso biennale (2021 - 2023) di 159 Allievi Marescialli nella Marina Militare

Lo svolgimento del concorso prevede:

  1. prova per la verifica delle qualità culturali e intellettive;
  2. accertamento dell'idoneità psico-fisica;
  3. accertamento dell'idoneità attitudinale;
  4. prove di verifica dell'efficienza fisica;
  5. prova scritta di selezione per il reclutamento delle professioni sanitarie;
  6. valutazione dei titoli di merito.

La prova consisterà nella somministrazione di un questionario composto da 100 quesiti a risposta multipla. Il test comprenderà domande nelle seguenti materie:

  • 20 di ragionamento logico (analitico-verbale, logico-meccanico, analitico alfanumerico),
  • 15 di matematica (trigonometria, algebra e geometria),
  • 15 di conoscenza della lingua italiana anche sul piano ortogrammaticale e sintattico,
  • 15 di conoscenza della lingua inglese,
  • 10 di fisica,
  • 10 di storia,
  • 5 di geografia,
  • 10 di cittadinanza e costituzione.

Per i quesiti culturali si farà riferimento ai programmi ministeriali previsti per gli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado.

La prova avrà luogo presso Ancona indicativamente nel periodo dal 26 aprile al 7 maggio 2021. L’ordine di convocazione, la data e l’ora di svolgimento della prova saranno resi noti, mediante avviso consultabile nell’area pubblica del portale, nonché nei siti www.difesa.it, www.marina.difesa.it. Lo stesso avviso potrà riguardare il rinvio ad altra data della pubblicazione suddetta. La pubblicazione avrà valore di notifica a tutti gli effetti nei confronti di tutti i candidati. La Direzione Generale per il Personale Militare si riserva la facoltà di pubblicare con le stesse modalità e, indicativamente, nello stesso periodo, un archivio dal quale saranno estratti, con criteri di casualità, i quesiti di matematica, italiano, inglese, geografia ed cittadinanza e costituzione che costituiranno oggetto della prova. La mancata presentazione presso la sede di esame nella data e nell’ora stabilita o la presentazione in ritardo, ancorché dovuta a cause di forza maggiore, comporterà l’irrevocabile esclusione dal concorso, salvo quanto previsto all’art. 1, comma 7 ovvero all’art. 7, comma 5 del bando.

Per le modalità di svolgimento della prova saranno osservate, in quanto applicabili, le disposizioni dell’articolo 13 del Decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, riportate tra gli Allegati del bando di concorso. Non è ammessa la consultazione di vocabolari, dizionari, testi e tavole. E’ vietato, altresì, l’uso di computer e di qualsiasi apparecchiatura/supporto informatico, di apparecchi telefonici o ricetrasmittenti. L’inosservanza di tali prescrizioni nonché delle disposizioni emanate dalla Commissione esaminatrice comporta l’esclusione dalla prova. La correzione della prova scritta per la verifica delle qualità culturali e intellettive sarà effettuata con l’ausilio di sistemi informatizzati.

Ai concorrenti verrà attribuito un punteggio espresso in trentesimi in relazione al numero di rispose esatte, con le seguenti modalità:

- punti 0,3/30 per ogni risposta esatta;
- punti 0/30 per ogni risposta errata, multipla, non data.

La prova scritta, a cui sarà attribuito un punteggio massimo di 30/30, si intenderà superata, salvi i contingentamenti di seguito illustrati per l’ammissione alla fase successiva, se il candidato avrà raggiunto la valutazione minima di 18/30.

Gazzetta concorsi
 

Torna su